Comunicato – No alle restrizioni sulle misure per il capitale umano!

Testo del Comunicato in PDF

No alle restrizioni sulle misure per il capitale umano!

 

Siamo molto attenti affinché non vengano sprecati gli sforzi fatti in Legge di Bilancio. In quella sede il Legislatore ha deciso di estendere le misure sul radicamento e la natalità anche a chi è rientrato dall’estero prima del 30 aprile 2019.

Tutti i soggetti rientrati prima del 30 Aprile 2019, se beneficiari del regime al 31 dicembre 2019, devono poter accedere alle misure sul radicamento e poter optare per un ulteriore quinquennio agevolato. Indipendentemente dall’anno di rientro in Italia o da altre casistiche. La legge approvata parla chiaro e non c’è spazio per interpretazioni restrittive.

Gruppo Controesodo si batterà contro ogni interpretazione restrittiva da parte dell’Amministrazione finanziaria. Quest’ultima non può arrogarsi il diritto di legiferare. Il comma 50 dell’Art. 1 della legge di bilancio è molto chiaro e qualsiasi interpretazione restrittiva verrà respinta fortemente da tutti i membri della nostra community, in tutte le sedi.

Dopo un lavoro di due anni, nella Legge di Bilancio la politica ha rimediato ad un grosso errore commesso in sede di DL Crescita che rischiava di innescare una nuova fuga di capitale umano d’eccellenza. Se l’Amministrazione vanificasse questo sforzo tramite interpretazioni restrittive diventerebbe responsabile della crisi demografica e di competitività che affligge il Paese. Quale sarebbe il senso di osteggiare misure che mirano a trattenere il capitale umano e a favorire la natalità?

Il ruolo dell’Amministrazione dovrebbe essere quello di rendere operative e fruibili le norme e non di inventare interpretazioni restrittive. Constatiamo che ad oggi, dopo quasi un mese dalla scadenza prevista dalla legge, ancora non è stato rilasciato il codice tributo per poter esercitare il diritto di optare. Chiediamo che venga rilasciato il codice tributo al più presto.

Chiediamo che la politica intervenga mettendo un freno a interpretazioni restrittive originate da pregiudizi ideologici e scarsa comprensione del fenomeno della fuga dei cervelli.

 

28 marzo 2021

Lascia un commento